Crescono in Italia raccolta differenziata e riciclo degli imballaggi in plastica

Riciclare è Rock
15 giugno 2018
Critiche alla direttiva UE che mette al bando le stoviglie monouso in plastica
27 giugno 2018
Show all

One slice of potato chips on a white plate with two forks on a background of green grass

Il bilancio pubblicato da Corepla dimostra che nel 2017, l’83,5% degli imballaggi in plastica immessi al consumo in Italia è stato recuperato e la performance di riciclo rispetto all’immesso al consumo ha oltrepassato il 43%. I risultati conseguiti dal nostro Paese sono sostanzialmente in linea con la media europea e hanno permesso, negli anni, di raggiungere gli obiettivi posti a livello normativo. Va ricordato, inoltre che l’Italia è tra i pochi paesi europei che gestiscono l’avvio a riciclo/recupero di tutte le tipologie di imballaggi in plastica. Un ottima notizia per il riciclo degli imballaggi in plastica.

In molti altri paesi, infatti, ci si limita a gestire solo quelli più facili da riciclare, come bottiglie in PET e flaconi di HDPE. Se da un lato la scelta italiana implica la necessità di avviare a recupero energetico una parte della raccolta, ovvero gli imballaggi che per tipologia di polimero o complessità di realizzazione non possono ancora essere riciclati, dall’altro, questa scelta si sta rivelando vincente nel lungo periodo, perché la disponibilità di materia prima (gli imballaggi da avviare a riciclo) ha fatto da volano allo sviluppo della filiera a valle, dando vita e impulso ad aziende riciclatrici e aziende trasformatrici in grado di utilizzare i polimeri di riciclo per ottenere nuovi manufatti. L’attività svolta da Corepla, grazie all’impulso dato al riciclo dei rifiuti di imballaggio in plastica, rappresenta un anello fondamentale per la “chiusura del cerchio” del ciclo di vita degli imballaggi in plastica, contribuendo così alla creazione di un’economia circolare.

La raccolta dei rifiuti di imballaggio in plastica avviene su due circuiti: flusso urbano e flusso da commercio e industria (per rifiuti provenienti da superficie privata). Nel 2017 la raccolta differenziata urbana conferita al Consorzio ha raggiunto quota 1.073.797 tonnellate (a cui si aggiungono le 24 .562 tonnellate raccolte da superfici private), con un aumento dell’11,7 % rispetto al 2016. Anche il dato relativo alle quantità raccolte in rapporto al numero di abitanti serviti, risulta in crescita e nel 201 7 ha quasi raggiunto i 17,7 kg per abitante.

Consulta il report completo sul sito di Corepla.

Iscriviti alla nostra Newsletter