Il riciclo produce 10 milioni di tonnellate di nuove materie prime - pro-mo.it

Il riciclo produce 10 milioni di tonnellate di nuove materie prime

Piatti di plastica a Natale? Perché no?!
23 Dicembre 2016
Gruppo Pro.Mo, Fgp e Ippr replicano a La Verità sulla plastica
20 Gennaio 2017

I rifiuti sono ormai indiscutibilmente diventati una risorsa: l’industria nazionale del riciclo dei rifiuti si rafforza, mostrando indici in forte crescita soprattutto nel settore degli imballaggi: nel 2015 il 67% è stato infatti avviato a riciclo.
Il riciclo si conferma attività cruciale per l’economia circolare, trasformando annualmente oltre 15 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, carta, vetro e legno in 10,6 milioni di tonnellate di materie prime seconde.

Nel 2015 il riciclo degli imballaggi ha registrato una sensibile crescita complessiva (+5% in termini assoluti) che conferma la capacità del settore di intercettare e avviare a recupero quantitativi crescenti di rifiuti: 8,2 milioni di tonnellate, contro le 7,8 del 2014.

Si confermano le eccellenze nel tasso di riciclo di carta (80%), acciaio (73,4%), vetro (71%) e alluminio (70%) mentre la percentuale di crescita più elevata si registra nei quantitativi di plastica avviata al riciclo (+10%). Vale la pena di sottolineare che il ruolo della plastica nel packaging innovativo è di primaria importanza: nello scorso anno sono state immesse sul mercato italiano 2.128.000 tonnellate di packaging in plastica (+2% rispetto al 2014). Il 41% degli imballaggi commercializzati è composto da packaging flessibile, il 52% rigido, l’8% da altri imballaggi di protezione e accessori. Il materiale più utilizzato nel packaging flessibile è il polietilene.

Secondo i dati diramati dal Consorzio Corepla, la raccolta differenziata da rifiuti di imballaggio ha salvato dalla discarica 899.000 tonnellate di scarti in plastica. Sono state avviate al riciclo 867.000 tonnellate, con un incremento del 10%. Altre 929.000 tonnellate di rifiuti da imballaggio in plastica sono stati avviati a recupero energetico. In questa quota è compreso anche il 44% di rifiuti provenienti dai flussi indifferenziati. Fra quelli riciclati e quelli termovalorizzati, i rifiuti salvati dalla discarica ammontano così all’84%.

I dati dimostrano che l’Italia ha raggiunto livelli di eccellenza in Europa con il riciclo del 72% dei rifiuti speciali. Lo stesso livello di eccellenza dovrebbe essere raggiunto nel riciclo dei rifiuti urbani – oggi al 43% – sulla scia dei risultati positivi degli imballaggi.

Fonte: Fise Unire

Iscriviti alla nostra Newsletter