Pacific Garbage Screening, la Plastica che galleggia in mare diventa energia pulita - pro-mo.it

Pacific Garbage Screening, la Plastica che galleggia in mare diventa energia pulita

Plastica, 10 oggetti che hanno fatto la storia
5 luglio 2018
Migliorare la plastica è possibile: al G7 discusse 5 strategie per l’ecosostenibilità
11 luglio 2018

Pacific Garbage Screening è una piattaforma in grado di trasformare la plastica presente negli oceani in energia pulita, senza estrarla, intercettandola direttamente in mare.

Il progetto di Marcella Hansch si basa su una piattaforma mobile, che sarà grande circa 400 metri. Questa verrà posizionata all’interno dell’area da ripulire dai rifiuti. Grazie alla sua composizione sarà possibile filtrare le particelle di materiale plastico fuori dall’acqua. Si tratta di un sistema a sedimentazione invertita.

Per questo non sono necessari sistemi di filtraggio ulteriore come le reti, che potrebbero rappresentare un ulteriore agente inquinante per l’oceano. Per la raccolta viene utilizzato il principio che rallenta le correnti oceaniche. In questo modo la plastica, materiale leggero, riesce a galleggiare in superficie, permettendone il recupero.

L’architetto tedesco Hansch, appassionata di diving e amante del mare da sempre, spiega che la plastica può diventare una risorsa. Grazie a questa piattaforma sarà possibile trasformare ciò che viene recuperato in un gas sintetico composto da idrogeno e Co2. La Co2 ottenuta andrà ad alimentare colture di alghe che serviranno anche a produrre bioplastica, mentre l’idrogeno sarà l’energia utilizzabile. In questo modo l’obiettivo da raggiungere sarà una fonte di energia economica, efficiente e utilizzabile.

Ciò che si ottiene con la Pacific Garbage Screening non è riciclabile, poiché la plastica raccolta in mare ha una struttura molecolare compromessa dall’acqua salata. Per questo è possibile solo gassificarne il plasma. In questo processo le particelle di plastica vengono scisse in molecole, creando un gas composto da idrogeno e anidride carbonica.

Marcella Hansch è affiancata nel suo progetto da un team di ingegneri, biologi, fotografi, economisti, esperti di marketing e altri architetti: insieme hanno lanciato una campagna di crowfounding.

Iscriviti alla nostra Newsletter