Quagga, il fashion made in Italy fatto in plastica riciclata - pro-mo.it

Quagga, il fashion made in Italy fatto in plastica riciclata

Una divisa in plastica riciclata per il Bayern Monaco
8 Novembre 2016
Le nuove Adidas in plastica riciclata
21 Novembre 2016

Rendere la plastica simile al cotone non è più una missione impossibile e il settore che sta traendo più beneficio da questa innovazione è quello della moda. I progetti che impiegano materie plastiche per creare nuovi filati, simili a quelli tradizionali, sono sempre di più. Brand impegnati nello sport come Adidas e Nike stanno sfruttando i tessuti ottenuti dalla plastica riciclata per confezionare divise sportive o scarpe. In Italia il marchio che sta dando di più alla "moda circolare" è Quagga.

Quagga sta lanciando sul mercato un nuovo concetto di fashion etico, fondato sui principi di riuso e riutilizzo, cari all'economia circolare. Il punto di forza e l’unicità dei capi Quagga è il rigore con il quale vengono selezionati i materiali. I tessuti sono costituiti al 100% da fibre riciclate, con certificazione Bluedesign. Anche le ovatte termiche sono in fibra riciclata. Le chiusure lampo sono in nylon o poliestere, senza PVC. Tutto il tessile Quagga è certificato come privo di sostanze nocive responsabili di allergie e potenzialmente cancerogene. I vantaggi sono molteplici: oltre a tutelare i consumatori, vengono protetti anche gli operai che lavorano il tessuto e il territorio in cui si svolge la produzione.

L'obiettivo tecnologico è rendere la plastica sempre più simile al cotone. La ricerca ha già raggiunto risultati notevoli (come il tessuto a base di polimeri plastici che ci terrà freschi d'estate). Il materiale più utilizzato in questo settore è l'rPET, il poliestere riciclato. Si ottiene dalle comuni bottiglie di plastica e da molti anni è utilizzato nel campo dell'abbigliamento.

L'azienda propone diversi tipi di capi "green": ci sono i giubbotti, a cui si sono anche aggiunte la linea di t-shirt e polo. Queste ultime rientrano nel progetto Q-Bottle, che nasce in Piemonte. Presso lo stabilimento Sinterama Spa (Biella) viene prodotta la fibra riciclata Newlife, con certificazione Global Recycle Standard stabilita da ICEA e Confidence in Textiles (Oeko Tex Standard 100). Questa fibra si ricava dall'utilizzo di polimeri rinnovati, filati a caldo attraverso un processo meccanico, senza l’uso di sostanze chimiche.

Ogni chilo di stoffa prodotta permette una riduzione del consumo energetico del 60% rispetto a un chilo di polietilene vergine. È stato registrato anche un abbattimento del 32% di anidride carbonica e un risparmio di acqua del 94%. Il tessuto può avere la consistenza della seta o del cotone sottile, al tatto è morbido e si trova in versione opaca o lucida. Le tinture dei tessuti sono eco-compatibili e, una volta colorati, vengono sottoposti a un trattamento igienizzante che impedisce lo sviluppo di cattivi odori. In più questi indumenti mantengono la piega, si stropicciano poco, si lavano in lavatrice e non richiedono uno stiraggio aggressivo.

I vantaggi di queste tecnologie sono importanti. In primo luogo non vengono sprecate risorse non rinnovabili come il petrolio. Inoltre si riduce la quantità di plastica da smaltire nelle discariche. Privilegiare le performance ambientali dei tessuti ottenuti da plastica riciclata non significa rinunciare alle prestazioni tecniche, al comfort o all'estetica. I tessuti di Quagga ne sono la dimostrazione: sono idrorepellenti ma, grazie a membrane micro-porose, permettono una perfetta traspirazione. Ultimo ma non meno importante, il poliestere riciclato è disponibile sul mercato a prezzi accessibili.

Iscriviti alla nostra Newsletter